Allarme con fili o wireless: guida alla scelta più adatta a casa tua

Quali sono le differenze tra allarme con fili e wireless? Leggi il nostro articolo per scoprire come scegliere l’antifurto più adatto a proteggere la tua casa.

1
Allarme senza fili Centralina Verisure

La prima cosa che spesso ci si chiede prima di acquistare un allarme casa è: allarme casa con fili o allarme casa senza fili? Quali sono i pro e i contro delle due tipologie? Ma soprattutto, qual è la migliore scelta per la sicurezza della casa?
Ci sono molte variabili da considerare, ma partiamo da una certezza: l’allarme è assolutamente la migliore misura di sicurezza per una casa, quando bene installato, progettato e capace di intervenire in una situazione di pericolo.
Vediamo insieme i vantaggi e gli svantaggi di un antifurto casa cablato e di un allarme wireless.

Allarme casa con fili: una soluzione decisamente più invasiva

Per “antifurto cablato” si intende l’allarme con fili, la prima e più antica tecnologia d’antifurto. Il funzionamento avviene tramite corrente elettrica e, quindi, il passaggio di cavi tra le mura delle pareti, sotto l’intonaco. In altre parole, per installare un allarme casa con fili è necessario effettuare opere murarie, mettendo in conto lo sporco, i disagi, le tempistiche e il costo che i lavori in casa comportano.

Potrebbe essere una soluzione comoda in fase di costruzione di una casa o di ristrutturazione. Tuttavia, bisogna tener conto che, negli anni, la tecnologia di sicurezza e, purtroppo, anche di “furto”, migliora e quindi si potrebbero necessitare sensori più all’avanguardia e sicuri. Oppure, si potrebbe aver bisogno di altri sensori e telecamere o si potrebbe traslocare. In tutti questi casi, bisogna intervenire di nuovo con la realizzazione di tracce, lo spostamento dei cavi… insomma nuovi costi e opere murarie!

DUBBI SUI COSTI? LEGGI: Prezzi allarme casa, da cosa dipendono

Un vantaggio degli allarmi con fili potrebbe essere che l’alimentazione a corrente elettrica permette di evitare la scocciatura di cambiare le batterie ogni tanto. Tuttavia, l’unicità degli allarmi con fili è proprio che i fili possono essere tagliati e che la corrente può essere interrotta manualmente o venir meno a causa di un blackout. A ladri e malintenzionati basterà tagliare un filo o staccare la corrente per introdursi in casa inosservati!

In conclusione, gli allarmi con fili sono solitamente più utilizzati per immobili di grandi dimensioni come uffici, capannoni industriali o banche perché installati sin dalla costruzione e adatti a ricoprire l’ampia metratura. C’è da tener conto un aspetto importante però: gli allarmi di uffici e banche sono sempre collegati ad una Centrale Operativa di un Istituto di Vigilanza Privato specializzato nella protezione delle grandi aziende. In termini di sicurezza, infatti, ciò che fa davvero la differenza è il monitoraggio da parte di una Centrale Operativa. È per questo che Verisure ha realizzato per i privati una Centrale Operativa apposita, specializzata nella protezione di case o piccoli negozi.

Allarme casa cablato: pro e contro

ProContro
✓ Adatto per case nuove o
ristrutturazioni
✓ Adatto per grandi immobili o capannoni
✓ Alimentato a corrente, non
si scarica
✕ Sono necessarie opere murarie (costi, tempo, sporco)
✕ Difficilmente ampliabili o trasportabili
✕ Alto rischio di manomissione
✕ Non funziona in caso di blackout
✕ Tecnologia poco moderna

Allarme casa Wireless: come funziona

L’antifurto wireless o antifurto senza fili è una soluzione decisamente meno invasiva e la più moderna e tecnologicamente avanzata. I dispositivi sono collegati alla centralina attraverso onde elettromagnetiche. In questo modo, non è necessario effettuare alcuna opera muraria. Infatti, si può installare un allarme casa senza fili in qualsiasi momento, senza grandi costi, tempi o stress da lavori, può essere trasportato in caso di trasloco, può essere ampliato o aggiornato a piacimento… insomma, decisamente più comodo!

Tuttavia, è sempre importante affidare l’installazione a tecnici specializzati previo sopralluogo della casa perché l’efficacia dell’antifurto dipende da come viene installato. È per questo che si consiglia di diffidare degli allarmi fai da te e optare per un’azienda che offre gratuitamente il sopralluogo a norma e l’installazione. Verisure, ad esempio, ti mette a disposizione i propri Esperti di Sicurezza per un sopralluogo gratuito secondo normativa europea EN 50131-1 e un preventivo senza impegno per conoscere e valutare tranquillamente il suo allarme senza fili.

I componenti degli antifurti wireless sono alimentati con batterie a lunga durata, fino a due anni. Tuttavia, se il rischio di batterie scariche o il pensiero del cambio batterie ti causano ansia, basta scegliere un’azienda di allarme casa senza fili che offra la manutenzione completa a vita. La manutenzione Verisure, ad esempio, include anche il monitoraggio della carica delle batterie e il cambio, oltre che qualsiasi altro tipo di manutenzione perché la garanzia Verisure copre il 100% degli interventi a vita.

I migliori allarmi wireless offrono poi una comunicazione radio a doppia frequenza per assicurare continuità di comunicazione in caso di tentativo di inibizione, sono dotati di SIM 3G per effettuare chiamate ai soccorsi in caso di necessità e sono connessi ad un’App.

LEGGI ANCHE: Allarme casa WiFi, come sceglierlo

Allarme senza fili per la casa: pro e contro

ProContro
✓ Tecnologia avanzata
✓ Praticamente impossibile da manomettere
✓ Non servono opere murarie
✓ Batteria a lunga durata
✓ Comunicazione radio a doppia frequenza
✓ SIM 3G
✓ Connessione con l’App
✕ Poco sicuro nel caso del fai da te
✕ Richiede un cambio di batteria dopo alcuni anni

Allarme Wireless connesso a Centrale Operativa e App

Centrale Operativa

Come detto, la sicurezza di un allarme casa dipende soprattutto dalla possibilità di intervenire in caso di necessità. Gli allarmi casa wireless dotati di SIM 3G possono richiedere l’intervento quando scatta l’allarme effettuando una chiamata. Qui dobbiamo distinguere tra 3 tipologie di allarmi:

  • Modelli che chiamano il proprietario e altri contatti d’emergenza: in questo caso, il proprietario deve verificare la situazione e richiedere l’intervento delle Forze dell’Ordine se vede un’intrusione in atto. È necessario quindi che l’allarme sia connesso anche ad un’App e che siano presenti delle telecamere in casa per vedere l’evento. È poi necessario che il proprietario risponda tempestivamente alla chiamata dall’allarme o dall’App e che abbia sempre campo al telefono.
  • Sistemi wireless che chiamano direttamente le Forze dell’Ordine: quando scatta l’allarme in automatico vengono allertate le Forze dell’Ordine, senza alcuna azione umana. Questi allarmi non sanno discriminare se si tratta di un’intrusione reale e rischiano di chiamare Polizia o Carabinieri per nulla!
  • Antifurti senza fili monitorati da una Centrale Operativa e connessi ad App: in questo caso la Centrale Operativa verifica gli scatti, elimina i falsi allarmi e chiama le Forze dell’Ordine o altri soccorsi solo in caso di necessità reale. Ovvero, sono allarmi wireless che garantiscono l’intervento sicuro quando serve, non solo in caso di furto ma anche per qualsiasi emergenza medica, incendio o altra necessità. L’App ti permette invece di avere sempre sotto controllo la tua casa!

La Centrale Operativa di Verisure, ad esempio, lavora con un tempo di gestione degli scatti di appena 60 secondi. Verisure, inoltre, offre anche il fumogeno ZeroVision che la Centrale Operativa può attivare in caso di intrusione reale direttamente in casa del cliente, per mettere in fuga i ladri in soli 45 secondi.

In conclusione, gli allarmi senza fili sono i più consigliati ed usati per proteggere case e negozi. I migliori sono connessi ad App e monitorati h24 da una Centrale Operativa specializzata nella gestione degli scatti di residenze e attività commerciali.

1