Centralina allarme: quale scegliere? Filare o wireless?

Le centraline allarme di nuova generazione sono wireless, ovvero senza fili. Ma cosa le differenzia dalle classiche centraline cablate? E come scegliere la migliore centrale per la sicurezza della tua casa?

1

La centralina allarme è il cuore dell’impianto: essa infatti è collegata con tutti gli elementi dell’antifurto e permette il loro coordinamento e funzionamento. Grazie alla centralina è possibile attivare e disattivare l’allarme, ma non solo.

Da alcuni anni è disponibile un nuovo modello di centralina allarme, che si contraddistingue per essere wireless, ossia senza fili. Tradizionalmente invece la centrale dell’impianto è cablata, ovvero collegata alla corrente attraverso dei fili.


Quali sono le differenze tra questi due modelli? E quali caratteristiche ti conviene ricercare per la sicurezza della tua casa o del tuo negozio? Siamo qui per rispondere a questi dubbi: iniziamo!

wireless vs filare

Centralina allarme senza fili

La centralina d’allarme senza fili di ultima generazione si caratterizza per comodità e sicurezza. Si potrebbe infatti definire un vero e proprio “pannello di controllo” da cui è possibile non solo attivare e disattivare l’allarme, ma effettuare anche una serie di altre importanti azioni. 

La prima è senza dubbio la possibilità di contattare la Centrale Operativa: in caso di pericolo le migliori centraline d’allarme attivano la funzione parla/ascolta e consentono quindi di comunicare con la Centrale Operativa per trovare supporto e richiedere l’invio di soccorsi, dalle Guardie Giurate alle Forze dell’Ordine. La centralina diventa quindi il mezzo grazie a cui chiedere aiuto nei momenti di difficoltà, non solo in caso di furti ma anche di emergenze mediche.

La principale caratteristica della centralina wireless è la sua portabilità, ovvero è dotata di una batteria che le consente di funzionare anche se non è connessa alla corrente. Può quindi essere portata con sé nelle varie stanze della casa, per essere sempre protetti in caso di bisogno. Ad esempio, di notte è possibile tenerla sul comodino e di giorno spostarla in soggiorno o in cucina.

PER APPROFONDIRE: Tutto sull’allarme casa senza fili

Centralina allarme con fili

La più ovvia differenza è che questa centralina, essendo collegata alla linea tramite cavi, non può essere spostata. Questo tipo di impianto di allarme necessita di opere murarie per poter essere installato, con la scomodità che ne consegue: in primis costi, ma anche tanta polvere e tempo da dedicare all’operazione. 

Il fatto di non poter essere spostata presenta dei lati negativi, ad esempio:

  • potrebbe trovarsi in un punto della casa difficile da raggiungere in caso di necessità
  • non si può portare via se si cambia casa
  • i cavi potrebbero essere tagliati dai ladri con conseguente guasto dell’impianto

Oggigiorno quindi è probabilmente meglio optare per una centralina d’allarme wireless, più pratica e funzionale.

PER APPROFONDIRE: Guida completa, allarme con fili vs wireless

Come scegliere la centralina d’allarme wireless

Vediamo le caratteristiche da ricercare in una centralina d’allarme senza fili perché sia sicura ed efficace:

  • Tecnologia GSM: permette la continua connessione dell’allarme e quindia comunicazione deli pannello di controllo con la centrale via radio. Ciò fa sì che non si verifichi nessuna interruzione del funzionamento dell’antifurto.
  • Facile da usare e intuitiva: è sempre meglio optare per una centralina con pochi tasti dallo scopo chiaro. In caso di emergenza non avrai il tempo di pensare a quale bottone premere! Ricorda poi che scegliendo di affidarti a un’azienda seria avrai modo di ricevere la spiegazione circa il funzionamento della centralina e in generale del sistema di allarme. Ciò non accade nel caso di allarmi casa fai da te, dove dovrai imparare in autonomia come far funzionare l’impianto.
  • Impostazione di diverse modalità: sarebbe sgradevole se l’allarme si attivasse mentre sei in casa perché percepisce un tuo movimento, no? Proprio per questo dovresti scegliere una centralina antifurto che supporti diverse modalità di attivazione. Ad esempio, potrebbe esserci una modalità notte, una modalità parziale e una modalità completa.
  • Vivavoce e microfono ad alta sensibilità: questi strumenti ti consentono di comunicare con la Centrale Operativa quando scatta l’allarme, perché in un momento del genere non vorresti mai essere solo/a!..
  • Tasto SOS: questa caratteristica è molto importante poiché ti permette di collegarti alla Centrale Operativa in caso di emergenza, basta premere un tasto per avere subito tutto l’aiuto di cui hai bisogno.
  • Collegamento col telefono di casa:  questa funzione permette agli utenti autorizzati di realizzare delle intercettazioni silenziose con una semplice chiamata al pannello di controllo. Puoi anche effettuare e ricevere chiamate normali e comunicare con casa tua come attraverso un auricolare grazie ad una funzione di parla-ascolta.
  • Connessione con smartphone: le centraline di ultima generazione si connettono al tuo smartphone tramite app. Da qui potrai vedere e cambiare lo status dell’impianto di allarme, guardare i filmati girati da eventuali telecamere di sorveglianza o le foto scattate dai sensori di movimento, per avere sempre tutto sotto controllo. La centrale allarme è spesso connessa anche con il telecomando, da cui è possibile accendere e spegnere l’impianto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Da cosa dipende il costo dell’allarme casa

Ormai lo avrai capito: non tutti gli impianti di allarme sono uguali, anzi! La differenza tra un antifurto di qualità e uno poco efficace sta proprio nel funzionamento e nella comodità della sua centralina. Ora hai tutte le informazioni necessarie per selezionare una centrale allarme davvero all’avanguardia

1