Sensori anti intrusione: tutto quello che devi sapere

I sensori anti intrusione sono fondamentali per il funzionamento degli impianti di sicurezza. Vediamo quante e quali tipologie di sensori anti intrusione esistono e perché sono così importanti in un impianto di antifurto domestico.

Hai bisogno di un allarme? Calcola ora il tuo preventivo gratuito

sensori anti intrusione

Un buon sistema di allarme è quello che dispone dei migliori sensori anti intrusione. I sensori anti intrusione, infatti,  sono elementi in grado di segnalare la presenza di un intruso in casa o il tentativo di irruzione attraverso porte e finestre. 

COSA SONO I SENSORI ANTINTRUSIONE 

I sensori anti intrusione costituiscono i principali componenti di un impianto di sicurezza domestica. Il loro compito è quello di rilevare la presenza sospetta di una persona nell’area dove sono installati. Le principali differenze tra i sensori riguardano tre aspetti: 

  • il tipo di collegamento 
  • il caso d’uso
  • le tecnologie che adottano 

SENSORI ANTI INTRUSIONE COME FUNZIONANO 

I SENSORI FILARI 

I sensori filari per funzionare sfruttano il collegamento alla rete elettrica e, talvolta, alla LAN

Di conseguenza, è necessario realizzare opere murarie per far passare i cavi, a meno che l’immobile non abbia già la predisposizione per l’impianto d’allarme filare. 

In questo caso, il funzionamento dei sensori anti intrusione sarà soggetto alla stabilità dell’impianto elettrico. 

Ovviamente, in caso di corto circuito, smetteranno di funzionare. E, qualora  un ladro  dovesse riuscire a tagliare i fili, si perderà la protezione. 

I VANTAGGI DEI SENSORI WIRELESS

Nel caso di sensori wireless, invece, possiamo dimenticare canaline, fili per casa e tracce da realizzare per il passaggio dei fili elettrici. 

I sensori anti intrusione wireless, infatti, si alimentano a batterie e sfruttano il collegamento con la rete Wifi di casa

I vantaggi di questo sistema sono molteplici: 

  • flessibilità e facilità di installazione;
  • nessuna opera muraria richiesta;
  • elusione del rischio di sabotaggio per taglio della corrente. 

CASI D’USO: TIPOLOGIE DI SENSORI ANTI INTRUSIONE

I sensori anti intrusione possono essere classificati a seconda dell’area che proteggono.

SENSORI PERIMETRALI

Sono sensori di movimento da esterno che proteggono cioè il perimetro della casa. Rilevano l’intruso ancora prima che arrivi alla porta di ingresso e vengono installati in caso di ampi terrazzi e giardini.

SENSORI TENDA

Operano sul confine tra interno e esterno dell’immobile. Vengono installati esternamente alle finestre – senza zanzariere! – adeguatamente coperti da una tettoia. Creano una barriera di protezione verticale per piccole aree.

SHOCK SENSOR

Sono sensori magnetici di colpi, d’urto e vibrazioni per porte e finestre. Rilevano ogni tentativo di forzatura degli ingressi dell’abitazione: scasso della serratura, piede di porco, rottura vetro, ecc. 

Sono indispensabili in un sistema d’allarme per qualsiasi tipologia di immobile. Creano la 1° barriera di protezione esterna della casa o negozio. Ovvero, uno scudo di protezione totale dell’immobile prima che l’intruso entri.

SENSORI DI MOVIMENTO

Sensori volumetrici da interno, rilevano movimenti sospetti all’interno dell’abitazione o del negozio. Vengono installati a protezione degli accessi, negli ingressi e corridoi ovvero in tutti i punti di passaggio forzati. Creano dunque la 2° barriera di protezione interna di un immobile.

Scopri il kit antifurto dotato dei migliori sensori: calcola un preventivo gratuito 

LE TECNOLOGIE PIÙ DIFFUSE DEI SENSORI ANTI INTRUSIONE

I sensori anti intrusione possono adottare diverse tecnologie, dalla più basica a quella più sofisticata. Vediamole nel dettaglio: 

SENSORI AD INFRAROSSI ATTIVI

Sono composti da due colonnine che emettono continuamente raggi infrarossi

Fanno scattare l’allarme quando il flusso degli infrarossi viene interrotto. Sono molto sicuri, ottimali per proteggere porte e finestre

Per evitare falsi allarmi causati da piccoli animali o foglie, è consigliabile tararli in modo tale che l’allarme scatti solo quando vengono interrotti più raggi infrarossi.

SENSORI AD INFRAROSSI PASSIVI O PIR

Sono costituiti da un solo dispositivo che rileva le variazioni di temperatura ambientale causate dal passaggio di corpi. 

Sono i più diffusi per l’ottimo rapporto qualità-prezzo, perché facili da installare e adatti a coprire aree più ampie. 

È consigliabile scegliere quelli con protezione antimascheramento o antiaccecamento.

BARRIERE A MICROONDE

Sono composti da due dispositivi, un ricevitore e un trasmettitore di onde elettromagnetiche ad alta frequenza

Le onde elettromagnetiche creano una barriera invisibile. Quando viene attraversata, i sensori fanno scattare l’allarme. 

Si tratta di sensori molto sensibili, affidabili e difficili da sabotare. Ideali per spazi molto ampi come ad esempio giardini.

SENSORI A DOPPIA TECNOLOGIA: INFRAROSSI + MICROONDE 

I sensori doppi combinano la tecnologia ad infrarossi e quella a microonde per limitare i falsi allarmi e garantire massima protezione. 

L’ideale è scegliere quelli dotati di barriere anti-mascheramento e anti-accecamento. 

SENSORI ANTI INTRUSIONE PERIMETRALI: QUALI SCEGLIERE 

I sensori perimetrali vengono installati a protezione degli ambienti esterni della casa. Hanno il compito di rilevare l’intruso ancora prima che raggiunga l’ingresso dell’immobile. Sono particolarmente indicati per case che dispongono di ampi giardini e terrazzi o altri punti di accesso esterni incustoditi. 

I migliori sensori perimetrali sono senza ombra di dubbio quelli di tipo wireless. Ideali per coprire ampi spazi, non necessitano di cavi e prese elettriche. 

RESISTENZA AGLI AGENTI ATMOSFERICI 

Un’altra caratteristica da non sottovalutare è la resistenza del sensore. Un sensore da esterno è soggetto infatti ad agenti atmosferici. Ad esempio, l’eccessivo caldo o l’eccessivo freddo, la grandine o la neve, il forte vento. 

Il consiglio è quello di scegliere sempre dispositivi realizzati con materiali di qualità, adatti a far fronte ad ogni evento della natura. 

LA TECNOLOGIA PIR

Altra caratteristica da considerare fa riferimento invece alla tecnologia. I migliori sensori antintrusione perimetrali sono quelli con tecnologia PIR e cioè ad infrarossi passivi. 

Questa tecnologia, infatti, permette ai sensori di distinguere le persone da oggetti o piccoli animali grazie alla rilevazione della temperatura ambientale. 

COPERTURA DEI SENSORI

Importante è anche la distanza che riesce a coprire il sensore: cerchiamo di scegliere dispositivi con una copertura non inferiore agli 8 metri

FOTOCAMERA INTEGRATA

Infine, i migliori sensori perimetrali sono quelli dotati di fotocamera integrata, in grado cioè di scattare una sequenza di immagini dell’evento sospetto rilevato. 

Le immagini possono infatti aiutarci ad eliminare il rischio di falso allarme e ad identificare l’intruso. 

A seconda della tipologia di antifurto, le immagini possono essere verificate da remoto, tramite applicazione o da un Istituto di Vigilanza Privata nel caso di un antifurto di tipo monitorato. 

COME SCEGLIERE I SENSORI PER PORTE E FINESTRE

Questi dispositivi costituiscono una prima barriera di protezione irrinunciabile per la casa

Il loro compito infatti è quello di rilevare il tentativo di intrusione prima che il ladro entri, attraverso cioè gli ingressi principali dell’abitazione: porte e finestre

I sensori per porte e finestre funzionano generalmente grazie a dei contatti magnetici ad alta sensibilità in grado di distinguere azioni di apertura, colpi e vibrazioni. Attivano l’allarme quindi a seguito di rottura di serrature o vetri, tentativi di effrazione con piede di porco, con l’uso del trapano e altri strumenti. 

Anche in questo caso è consigliato scegliere sensori wireless, che siano di piccole dimensioni e con tecnologia ad alta sensibilità. Solo in questo modo è possibile  ridurre al minimo  il rischio di falsi allarmi dovuti a fenomeni atmosferici. . 

I MIGLIORI SENSORI DI MOVIMENTO

I sensori di movimento sono dispositivi in grado di rilevare il movimento di una presenza sospetta. Creano una barriera di protezione interna con un doppio vantaggio:  identificazione dell’intruso e filtraggio dei falsi allarmi. 

Come per i perimetrali, la migliore scelta ricade su sensori di movimento di tipo wireless con tecnologia PIR

Altre caratteristiche da valutare sono: 

  • ampio angolo di visione
  • fotocamera integrata
  • monitoraggio da remoto  tramite App/Istituto di Vigilanza Privata 

I migliori sensori di movimento hanno un raggio di azione non inferiore a 110°x90° con una copertura fino ad almeno 8 metri. 

Sono dotati di fotocamera a colori con flash incorporato per verificare se si tratta di una reale intrusione o di un falso allarme. 

Infine, il collegamento con una App permette di sapere sempre cosa accade in casa. Invece il collegamento alla Centrale Operativa di un Istituto di Vigilanza assicura verifiche in tempo reale e intervento professionale tempestivo in caso di pericolo. 

KIT ANTIFURTO VERISURE: COME FUNZIONANO I SENSORI ANTINTRUSIONE

All’interno del kit antifurto Verisure, azienda leader nel settore degli allarmi monitorati in Europa e Italia, i sensori anti intrusione giocano un ruolo fondamentale per: 

La Centrale Operativa Verisure, attiva 24/7, verifica quanto segnalato dai dispositivi dell’antifurto. Scarta il falso allarme e interviene tempestivamente. In caso di pericolo, allerta le Forze dell’Ordine e invia in loco le Guardie Giurate Territoriali. 
I principali sensori antintrusione Verisure sono: Shock Sensor per porte e finestre, sensori perimetrali, sensori di movimento.

Voi sapere se l’antifurto Verisure fa al caso tuo? Calcola un preventivo gratuito!

GLI SHOCK SENSOR PER PORTE E FINESTRE

Gli Shock Sensor rappresentano la prima barriera di protezione della tua casa. 

Applicati su tutte le porte e finestre della casa, attivano l’allarme ancora prima che il ladro riesca a fare irruzione in casa.

Si tratta di dispositivi magnetici 100% wireless con batteria a lunga durata (fino a 36 mesi), dotati di filtri avanzati per distinguere colpi e vibrazioni dalle azioni causate dagli agenti atmosferici. 

La tecnologia è bidirezionale, comunica cioè costantemente con il Pannello di Controllo dell’antifurto e con gli altri dispositivi del sistema, eludendo i tentativi di sabotaggio grazie alla comunicazione radio crittografata. 

I sensori per porte e finestre Verisure si attivano nel momento stesso in cui rilevano un tentativo di manipolazione di porte e finestre. Attivano la sirena ed inviano il segnale di allarme alla Centrale Operativa

La Centrale Operativa risponde entro 60”, verifica quanto sta accadendo in casa ed interviene nel caso di pericolo accertato. 

SENSORI PERIMETRALI PER GIARDINO E TERRAZZO

I sensori perimetrali Verisure sono dispositivi altamente tecnologici progettati per proteggere gli ingressi esterni della tua casa. 

Sono in grado di rilevare movimenti sospetti fino ad una distanza di 8 metri e grazie alla sofisticata tecnologia PIR (sensori ad infrarossi passivi), riescono a distinguere le persone da piccoli animali. 

I dispositivi, completamente wireless, sono integrati con fotocamera a colori con flash e  angolo di visione da  105° per  la copertura di ampi spazi. 

I sensori perimetrali Verisure sono progettati per resistere a qualsiasi condizione ambientale. L’obiettivo della fotocamera è inoltre sigillato al fine di evitare il danneggiamento da parte di insetti o uccelli. 

Al rilevamento dell’intruso, viene scattata una sequenza di 5 immagini. Le foto vengono inviate  in tempo reale alla Centrale Operativa e in  caso di intrusione accertata, consentono di intervenire tempestivamente. La Centrale Operativa, infatti, allerta le Forze dell’Ordine e invia sul posto le Guardie Giurate Territoriali

SENSORI DI MOVIMENTO VERISURE

I sensori di movimento Verisure sono dispositivi wireless da interno con tecnologia ad infrarossi passivo (PIR). Sono in grado di coprire una distanza di 8 metri e con un raggio di azione di 110°x90°. Integrano una fotocamera a colori con flash capace di scattare sequenze di immagini nitide anche in condizioni di scarsa visibilità. 

I sensori sono collegati al Pannello di Controllo in modalità Wifi e comunicano direttamente con la Centrale Operativa Verisure Italia. 

La rilevazione del movimento sospetto avviene per mezzo della misurazione della temperatura ambientale. Il sensore percepisce l’escursione termica causata dall’intruso, attiva immediatamente la sirena, scatta 5 foto dell’evento e le invia alla Centrale Operativa. 

Tutti i sensori Verisure, così come il kit di antifurto in generale, sono gestibili da remoto. Tramite l’App My Verisure Italia è possibile:

  • attivare/disattivare l’allarme; 
  • programmare giorni e orari d’attivazione;
  • scegliere tra 5 modalità d’attivazione;
  • controllare chi accede in casa;
  • autorizzare chi può accedere in casa;
  • ricevere notifiche in caso di eventi;
  • visionare le immagini scattate dai sensori con fotocamera;
  • vedere video live e dei giorni precedenti registrati dalle telecamere Verisure;
  • chiedere soccorso alla Centrale Operativa tramite i pulsanti SOS;
  • chattare con il Servizio Clienti Verisure. 

Hai bisogno di un allarme? Calcola ora il tuo preventivo gratuito