Tentata effrazione cosa fare?

Il mercato ti propone un’infinità di allarmi e non sai quale scegliere per scongiurare il rischio di furti in casa? Scopri tutti i nostri consigli sul blog Verisure.

1

Avere i ladri in casa ma anche semplicemente subire una tentata effrazione è un’esperienza davvero brutta, non solo per i danni economici ma soprattutto per la violazione del proprio spazio personale.
Si rischia di avere conseguenze anche psicologiche: aumenta la paura, non ci si sente al sicuro in casa.
I ladri utilizzano diverse tecniche per tentare di forzare porte e finestre ed entrare nella tua casa o attività commerciale. Gli strumenti usati possono essere cacciaviti, piedi di porco, strumenti di perforazione meccanici o anche oggetti più insoliti come le bottigliette d’acqua.
Per questa ragione i must da seguire sono:
• Dissuasione
• Rilevamento preventivo
• Monitoraggio h24
• Intervento immediato

No ai ladri in casa: cartelli dissuasori e rilevamento preventivo
Il primo step per evitare i ladri in casa è partire dall’elemento di dissuasione: utilizzare dei cartelli che segnalino la presenza di un sistema di allarme telecontrollato da Guardie Giurate è un ottimo deterrente.
Se un ladro deve scegliere ci penserà due volte a svaligiare una casa con un sistema di allarme ancor di più se è segnalata la presenza di fotocamere o videocamere.
Una delle paure più grandi per i ladri è quella di essere identificati.
I cartelli dissuasori non devono essere installati solo sulla porta di ingresso ma anche su tutti i punti vulnerabili dell’abitazione o dell’attività commerciale. Dissuasori per finestre e porte sono il primo campanello d’allarme e barriera protettiva per la tua sicurezza.
Oltre alla dissuasione anche il rilevamento preventivo evita cattive sorprese.

Come si può rilevare l’intruso prima che entri?
• Con i sensori per porte e finestre. In caso di tentata effrazione la vibrazione farà scattare l’allarme prima che qualcuno possa entrare. Gli shock sensor Verisure sono dotati di un algoritmo di filtraggio avanzato in grado di distinguere tra le vibrazioni causate dagli intrusi e quelle causate da fattori ambientali come il vento o le tempeste.
• Con i sensori perimetrali che proteggono gli ingressi. Scegliere sensori perimetrali con fotocamera permette una rilevazione preventiva dell’intruso. I sensori non appena rilevano il movimento scattano una sequenza di foto. Spesso queste fotocamere hanno anche il flash. Il ladro ha paura di essere identificato e per questo anche solo il flash lo spaventa e lo fa fuggire.

Contro i furti in casa: verifica e intervento immediato
Preoccupazioni inutili, falsi tentativi di effrazione non fanno altro che causare stress, ansia e paura.
Per questo il monitoraggio da parte di professionisti del settore è la soluzione migliore.
Immagina che il tuo sensore scatti ma in realtà non si tratta di un ladro o una possibile intrusione, cosa fare?
I dispositivi wireless che comunicano direttamente con una Centrale Operativa permettono una verifica immediata di quello che sta accadendo, evitando i falsi allarmi.
Invece, in caso di verificato pericolo, si attivano subito protocolli di sicurezza per gestire immediatamente la situazione. Ogni secondo è fondamentale per evitare un tentativo di effrazione.
Per garantire una protezione totale sia se ci si trova in casa che fuori è necessario avere un collegamento H24 con un servizio di Centrale Operativa. In questo modo non sarai mai solo e al tuo fianco nella sicurezza della tua casa o azienda c’è un servizio dietro fatto di professionisti del settore.


1